Follow by Email

giovedì 19 settembre 2013

La casa creativa

Quando iniziai a fare questo lavoro, alla gente fondamentalmente dissi che avrei potuto fare qualcosa per la loro casa, che fosse in linea col mio stile ma anche con il loro arredamento, e che fosse semplicemente un dettaglio in più. Perciò iniziai con piccole decorazioni sopratutto a tema, natalizie, pasquali, marine ecc.
Ma le cose iniziarono pian piano ad evolvere fino ad arrivare a cinque anni e mezzo fa, quando venni ad abitare nella casa dove abito ora e mi trovai nella necessità di dover adattare o fare da capo, mobil, tende, cuscini e così via. Scoprii allora in me questa vena di arredatrice un pochino più completa, che guardava all'insieme più che al dettaglio e quando amici e conoscenti venivano nella mia casa, mi chiedevano di trasformare anche la loro, quasi mai tanto radicalmente, ma almeno un po'. 
Non sono però mancati negli anni quei clienti che arrivavano dicendo: io voglio quella stoffa lì, con quel modello là e misure tot e tot. Questo diventava un lavoro da sarta e siccome io cucio e so cucire bene, ma lo faccio per raggiungere uno scopo che non potrei raggiungere se non cucendo, e siccome io non ho scelto di fare la sarta, non avendone né le doti né la pazienza e neppure la precisione, ma allo stesso tempo non volevo rifiutare un lavoro di un nuovo cliente, facevo di malavoglia quello che era richiesto. 

Ma quello che faccio io è inventare, inventare, creare, improvvisare....non dovete dirmi quello che va fatto e scegliermi pure il tessuto.
Se improvviso mi sento bene.
Se cucio è per necessità di eseguire un lavoro col tessuto.
Se cucio e non mi diverto, penso solo al risultato finale, e ho voglia di vederlo.
Però disegno, taglio, incollo, dipingo, faccio editing.
Non dite che faccio cucito creativo. Non è una definizione che amo. Non è la mia definizione.

Qualche giorno fa è arrivata una cliente con un sacchetto pieno di tessuti bianchi, vecchi, vecchissimi, ricamati, lisci, nuovi.
Mi ha detto: fammi cinque cuscini, tutti diversi, semplici e non troppo romantici. 
Usa le stoffe che vuoi. 
Fa tu.

Ecco la mia cliente ideale.
Ecco i cinque cuscini.





2 commenti:

  1. Ciao, belli i cuscini...come ti capisco anche io non riesco a lavorare "a comando" è per questo che solo molto raramente accetto lavori su "commissione", complimenti per il blog, un saluto, Catiuscia.

    RispondiElimina
  2. Grazie! Anche io ho guardato il tuo blog, è molto bello e tu sei competente. Ti seguirò! Ciao!
    Marcella

    RispondiElimina